Pasta all’uovo fatta in casa – fettuccine

fettuccine fatte in casa

 

Prima o poi, chiunque si dedichi un pò alla cucina, deve provare a fare la pasta in casa, ed io non potevo essere di meno. Devo dire che mi sono divertita, e soprattutto mi sono venuti in mente tanti ricordi: la domenica a casa della nonna (che ovviamente preparava le famose fettuccine in casa) la stesa sul letto, l’odore di farina, insomma dei bei ricordi. Fare la pasta in casa in realtà non è difficile, ci vuole solo un pochino di tempo e voglia di mettere le “mani in pasta” divertendosi un pò.

Dosi per 4 persone:

un uovo ogni 100g di farina e un pizzico di sale (quindi 4 uova e 400g di farina per 4 persone)

Versate la farina sul piano di lavoro. L’ideale sarebbe la spianatoia in legno – See more at: http://www.cucina-green.com/2012/12/la-pasta-in-casa-facile-e-senza-uova.html#sthash.rsLQhhRT.dpuf

tempo di preparazione 30 minuti + 30 minuti di riposo

Versate la farina sul piano di lavoro. L’ideale sarebbe la spianatoia in legno – See more at: http://www.cucina-green.com/2012/12/la-pasta-in-casa-facile-e-senza-uova.html#sthash.rsLQhhRT.dpuf

tris pasta

Versate la farina sul piano di lavoro, l’ideale sarebbe la classica spianatoia di legno, disponete la farina a fontana, e ci verso dentro le uova e un pizzico di sale fino (foto 1). Aiutandomi con una forchetta inizio a sbattere le uova, cercando di non farle uscire dalla farina ed inizio ad impastare il tutto, portando poco per volta, la farina al centro. Se l’impasto risultasse troppo duro, aggiungetevi pochissima acqua tiepida, giusto per aiutarvi ad amalgamare l’impasto. Lavorate a lungo fino a che non otterrete un panetto liscio ed omogeneo (foto 2). Lasciate riposare il panetto per almeno 30 minuti avvolgendolo in un panno umido, o nella pellicola trasparente, in un posto fresco. Nel frattempo pulite bene la spianatoia, la stesa dovrà essere davvero liscia. Versate un pochino di farina sulla spianatoia, potete dividere il panetto in due o lasciarlo intero e iniziate a stendere la pasta con il mattarello, girandola sia in senso orario che antiorario, giusto per dargli una forma abbastanza rotonda (ovviamente potete aiutarvi a stendere la pasta anche con la macchina, ma che gusto ci sarebbe?). Cercate di arrivare ad avere una sfoglia ben sottile, non più alte di 0,5mm. A questo punto potete fare ogni tipo di pasta. Io per iniziare ho scelto le fettuccine: fate un rotolo con la pasta e tagliatela a striscioline (foto 3) dopodiché aprite le girelle di pasta e adagiatele in una teglia. Potete consumarle subito e lasciarle in frigo per un paio di giorni, e se ne avete fatte troppo potete anche congelarle! Buon divertimento!

 

Il brano scelto è un classico degli anni ’50, proprio come i vecchi tempi, quando ancora era importante il pranzo della domenica.

 

 

 

Lascia un commento

*